Bypass gastrico: cos’è e quanto si dimagrisce

In cosa consiste il bypass gastrico

Spesso si sente parlare di chirurgia bariatrica, cioè quella branca della chirurgia che si dedica al trattamento e cura dei pazienti affetti da grave obesità. In tale contesto, si inserisce uno degli interventi più noti ed utilizzati, cioè il bypass gastrico. Esso rientra, infatti, tra le principali soluzioni per aiutare il paziente a contrastare l’obesità ed ha anche il pregio di contribuire nella riduzione del rischio dello sviluppo di ulteriori problematiche future sempre collegate all’obesità stessa.

La logica su cui si basa il bypass gastrico per favorire il dimagrimento è facilmente riassumibile in due concetti. Il primo riguarda la riduzione delle dimensioni dello stomaco del paziente. Il chirurgo va infatti a ridurne la capienza in modo tale che la quantità di cibo che egli è in grado di ingerire sia inferiore rispetto a quanto accadrebbe in condizioni “normali”. Il secondo consiste invece nella diminuzione della lunghezza dello stomaco medesimo, fattore che riduce la capacità dell’organismo di assimilare gli alimenti.

Fatte tali premessi, in questo articolo vogliamo tentare di rispondere a una domanda molto comune, e cioè quanto si dimagrisce con il bypass gastrico. Si tratta ovviamente di una domanda alla quale non si può dare una risposta valida per ogni persona, poiché l’efficacia dell’intervento dipende dalle circostanze specifiche del caso concreto che solo il medico curante può conoscere. Forniremo tuttavia delle indicazioni che possono essere un primo spunto per chi sta pensando di intraprendere questa strada. In altri articoli, inoltre, abbiamo anche approfondito quando è consigliato sottoporsi a questo intervento.

Quanto si dimagrisce con il bypass gastrico

Se si sta pensando di consultare una clinica per sottoporsi al bypass gastrico, una domanda più che legittima riguarda proprio quanto è possibile dimagrire a mezzo di questo intervento.

Per rispondere alla domanda possiamo dire che il bypass gastrico può portare a dei risultati davvero sorprendenti in termini di perdita di peso. A livello statistico si stima infatti che la maggior parte dei pazienti sottoposti a questo trattamento riesca a perdere circa il 65% del peso corporeo nel giro di due anni. Di tale percentuale, ben il 40% del peso viene spesso perso già dopo un anno.

Nonostante questa operazione, come detto, porti spesso a degli ottimi risultati, non bisogna tuttavia dimenticare che a sottoporsi all’intervento sono le persone soggette ad obesità gravissima, e cioè con un BMI maggiore di 40, oppure soggetti con un BMI tra 35 e 40 ma che soffrono anche di gravi problemi di salute come l’ipertensione, il diabete e apnee ostruttive del sonno. Questo comporta che esistono delle conseguenze al bypass gastrico che, anche a causa dello stato di salute non ottimale in cui si trova il paziente, possono mettere alla prova la sua forza di volontà. Proprio per questo motivo è fondamentali informarsi approfonditamente prima di intraprendere questa efficace soluzione e, soprattutto, ascoltare il parere dei professionisti.

Se vuoi approfondire l’aspetto relativo ai possibili postumi dell’operazione e ad alcuni effetti collaterali che si potrebbero verificare ti invitiamo a consultare questo articolo in cui abbiamo trattato tale tematica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.